ETICA NELLO SPORT

 ECCELLENZA NELLO SPORT E NELLA FORMAZIONE

I VOLTI
Storie di vita di campioni con il “certificato etico” nel mondo dello sport>>

LE PAROLE
Storie di vita di campioni con il “certificato etico” nel mondo dello sport>>

FORMAZIONE

Formazione di Base

>> Corsi IEF | ASPA
Corsi per Insegnanti di Educazione Fisica, Dirigenti scolastici, Educatori e Formatori, Allenatori sportivi, Preparatori atletici, Giornalisti e Giornalisti sportivi

La proposta dei corsi di formazione di base (a carattere residenziali e a diffusione nazionale) per Insegnanti di Educazione Fisica, per Allenatori Sportivi e Preparatori Atletici, per Dirigenti Scolastici e Dirigenti sportivi, per Educatori e Formatori, per Giornalisti e Giornalisti Sportivi è una “proposta-risposta” a una domanda di formazione che proviene insistente e diffusa proprio dalla base.

Insiste intorno ai temi: etica e sport; formazione continua; educazione integrale della persona; rapporto scuola e sport; rapporto sport e vita; formare attraverso l’informazione.

I corsi di formazione Base della Fondazione si articolano attorno a un tema – nuovo di anno in anno -, che parte da un “focus” centrale: l’attività sportiva è uno straordinario vettore di crescita etica per tutte le persone che vi sono coinvolte e produce una incredibile e innovativa ricaduta sociale.

La sensibilità etica si alimenta all’incrocio di tre dimensioni portanti: la scoperta e la stima di sé; la relazione con l’altro che diventa anche impegno per l’altro; il mondo della vita sportiva che, nella sua dimensione istituzionale, diviene esso stesso attore educativo.

La proposta dei corsi di formazione – aperta a livello nazionale (lo scorso anno erano rappresentate ben 10 regioni italiane) – punta a favorire, attraverso un accompagnamento personale e un attento lavoro di gruppo: a) la ri-appropriazione dell’identità professionale dell’Insegnante di educazione fisica e dell’Allenatore Sportivo e del Preparatore Atletico; b) ad accrescerne la consapevolezza di educatore; c) a rinnovarne le motivazioni e a svilupparne le potenzialità; d) per promuovere e mantenere vitale il dialogo tra scuola, famiglia e istituzioni.

Non si diventa buoni educatori se non ci si ferma a pensare, a rileggere e a riscrivere sé stessi, a verificare il proprio modo d’essere e di fare, a riappropriarsi dei valori e degli ideali che danno gusto alla vita. Sapere di essere sempre in cammino, sapere che c’è sempre un nuovo traguardo da perseguire, che c’è sempre qualcosa da imparare e da migliorare. Questo, alla fine, significa essere educatore, allenatore, insegnante, sportivo.

Se lo sport non si fa vita, è difficile definirlo “sport”.


Germano Bertin,
Segretario Generale Fondazione “Unione Sportiva Petrarca”, Padova
info@eticaesport.it

Public Productions